Perché cBrain ha scelto ParsePort per gestire i loro report ESEF

Nel 2014 è diventato obbligatorio per le società danesi quotate in borsa presentare i propri rapporti annuali nel formato XBRL. Ciò significa che le aziende danesi hanno trascorso gli ultimi 6 anni a testare la qualità di diversi fornitori di XBRL, ed è per questo, che siamo estremamente orgogliosi, che così tante aziende danesi hanno scelto ParsePort non solo per gestire la loro conversione XBRL, ma anche i loro report ESEF.

cBrain è una società di ingegneria, che dal 2002 sviluppa software per supportare la digitalizzazione di flussi di lavoro, processi aziendali e business intelligence.

In collaborazione con la loro agenzia di contabilità, hanno scelto ParsePort come fornitore ESEF e ci siamo seduti con Brian Dahl di cBrain per parlare del processo di pensiero alla base di quella decisione.

Cosa cercava cBrain nel suo provider ESEF

Oggi ogni azienda in Europa ha bisogno di trovare un fornitore ESEF, ma poiché la conversione di iXBRL e il reporting ESEF sono un campo relativamente nuovo, c’è anche molta confusione su ciò che costituisce un buon fornitore ESEF.

Alcune aziende offrono una serie di opportunità per assumere il controllo del processo di etichettatura e mappatura, mentre altre gestiranno l’intero processo per te.

Abbiamo chiesto a Brian Dahl quali fossero alcune delle preoccupazioni di cBrain prima di scegliere un fornitore ESEF. Questa è stata la sua risposta: “Una delle cose di cui abbiamo discusso in dettaglio mentre esaminavamo i diversi fornitori ESEF è stato il processo di mappatura. Non eravamo veramente sicuri di quanto avessimo bisogno di gestire internamente e quanto vorremmo che il nostro fornitore coprisse “.

Vediamo molte aziende che lo considerano. Alcuni fornitori diranno a loro che l’unico modo per sapere che tutto è corretto è se il cliente gestisce la mappatura, mentre altri dicono che il fornitore deve fare tutto per ottenere un risultato perfetto.

Noi ci rendiamo conto che una taglia non puó andare bene per tutti, ed è per questo che lasciamo che il cliente scelga da solo se dobbiamo gestire il tagging, se vogliono farlo da soli o se dovremmo farlo come uno sforzo collaborativo.

Quando gli viene chiesto perché hanno scelto ParsePort, Brian risponde prontamente: “Volevamo un fornitore con quanta più esperienza possibile, in modo da poter ottenere l’assistenza di cui avevamo bisogno. Con otto anni di esperienza con XBRL ParsePort sembrava la soluzione giusta. “

Tre modi per gestire la mappatura

Ci piace esprimere le diverse soluzioni con una metafora, ed è così che le abbiamo presentate a cBrain. Se immagini il tuo processo di segnalazione ESEF come volare con un aereo, ci sono diversi modi per farlo e hanno tutti vantaggi diversi.

  1. Puoi acquistare un biglietto, sederti al tuo posto e goderti il ​​viaggio. Questo è il modo più semplice per arrivare alla destinazione pianificata. 2. Prendi posto sulla sedia del copilota. In questo modo, sarai in grado di influenzare direttamente il percorso esatto che stai prendendo, ma non dovrai capire come pilotare l’aereo. 3. Puoi noleggiare un aereo, imparare a pilotarlo e poi pilotare te stesso verso la destinazione scelta.

Ciò di sopra vale anche per i rapporti ESEF. Puoi fare in modo che il tuo fornitore scelto gestisca tutto per te, puoi gestire la mappatura in collaborazione con il tuo fornitore ESEF oppure puoi pagare il software e gestire tutto da solo.

In qualità di cliente ParsePort puoi scegliere la versione più adatta alla tua azienda e noi ci adeguiamo alle tue esigenze.

cBrain ci ha fornito il rapporto annuale in PDF insieme a un foglio Excel contenente il proprio bilancio. Abbiamo quindi gestito la mappatura dei file in collaborazione e ora sono pronti per convertire il loro rapporto annuale in ESEF.

Come domanda conclusiva abbiamo chiesto a Brian cosa ne pensava il team di cBrain del processo: “Ho inviato il file Excel al team di ParsePort e insieme abbiamo esaminato alcuni dei post in modo che fosse gestito secondo i nostri desideri. Si è rilevato di essere un processo davvero semplice. “